Venerdì 27 novembre
Castelnuovo Don Bosco

Sabato 12 dicembre
Cocconato

Romanico Monferrato e la rete europea delle Vie Francigene

Fare turismo sostenibile sulle vie della spiritualità
Ezio Claudio Pia – storico
Don Michele Dosio – Associazione Ad Limina Petri
Alessandro Chiesi – Associazione La Via Francigena di Sigerico

Sulla Via Francigena
Incontro con gli autori del volume edito da UTET Lorenzo Del Boca e Angelo Moia

 

Questo terzo modulo formativo è stato concepito come proposta di approfondimento del tema del rapporto tra l’area di Romanico Monferrato e le iniziative promozionali e di marketing turistico che orbitano attorno al mondo delle Vie Francigene italiane ed europee nella prospettiva del 2016, definito recentemente dl ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, “Anno dei Cammini”.
Il primo incontro si è svolto a Castelnuovo Don Bosco con la partecipazione dello storico Ezio Claudio Pia e di quattro dirigenti dell’Associazione “La Via Francigena di Sigerico” di Ivrea che gestisce da anni un tratto di oltre cinquanta chilometri della Via Francigena, da Pont Saint Martin in Valle d’Aosta a Cavaglià nel vercellese. Grande l’interesse per le testimonianze dei presenti su esperienze vissute, problematiche da affrontare, tipo di accoglienza da predisporre, entusiasmo e difficoltà incontrate.
Il secondo incontro ha visto il racconto per immagini del viaggio di due amici. Oltre 2.000 chilometri, attraverso quattro nazioni sulle tracce di Sigerico. Un racconto a due voci di com’era un tempo e di come invece è oggi affrontare la Via Francigena, da Canterbury a Roma.
Tanti chilometri, tante storie, amici, aneddoti e incontri da raccontare una volta tornati a casa che sono stati raccolti in un libro appena pubblicato. Interessante il dibattito nato al termine della proiezione tra i presenti e gli autori, Lorenzo Del Boca e Angelo Moia, su come e cosa fare per rendere questo territorio del progetto Romanico Monferrato, già all’interno della Via Francigena, sempre più attraente per i turisti, ma soprattutto accogliente per i pellegrini.